Forum

La Voce corre di ruga in ruga ......
Oggi è venerdì 30 ottobre 2020, 11:16

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 34 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Termovalorizzatore
MessaggioInviato: venerdì 16 gennaio 2009, 13:29 
sergio ha scritto:
Non credo che le pale eoliche tolgano qualcosa a Sansostari,anzi ti diro' è una entrata per il comune notevole se riesce a vendere l'energia ai paesi limitrofi.
Forse con il ricavo puo' fae servizi a tutti i cittadini.
Qualcosa si deve deturpare,questo mi dispiace,ma la nostra montagna non è ricca ,e solo mercè di persone che la bruciano in estate.
Quanto petrolio non si deve bruciare ,se le pale eoliche danno i loro frutti?
vi chiedete,perchè nei paesi del nord europa ,ormai la energia alternativa e' in grande spolvero?
vi diro' ognuno si sta' creando la propria energia sulle proprie case.Noi arriveremo tra molti anni a questo.
Credo ,è un mio parere,dobbaimo rifletter e dire se tutto cio' che fanno gli altri è sempre malfatto.
Ormai,tutti i paesini della calabria si stanno attrezzando con l'energia alternativa,perchè san sostene ,no?
Unica nota di progresso che ho visto in questo paese .la deprezzate?
spero,che non la prendiate a male,ma una energia alternativa al petrolio si deve trovare.
scusate da Sergio


Il tuo discorso è molto valido e veggente per il futuro economico di San Sostene, speriamo che le pale girino continuamente affinchè producano energia e ricchezza pe' tutti i sanzostàri. Dopo l'energia è giusto che il sindaco pensi alle famiglie che tuttora sono sprovvste di acqua potabile pur pagando da sempre le tasse dovute. I miei genitori mi hanno sempre insegnato che prima di pretendere i diritti, occorre rispettare i propri doveri e questi ultimi li ho sempre rispettati ed eseguiti.


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Termovalorizzatore
MessaggioInviato: venerdì 16 gennaio 2009, 14:06 
il comune non può vendere niente a nessuno perchè non è proprietario di niente e di nessuno, ha solo una miserabile percentuale, l'1.5%, sui ricavi della vendita della corrente prodotta dal parco eolico.
A quanto corrisponda, in denaro sonante, questo 1.5% non si sa' perchè la produzione teorica spesso è MOLTO lontana da quella reale: c'è chi dice che la reale sarà di circa il 20-30% di quella teoricamente stimata in condizioni di vento ottimali (se il vento è troppo forte le pale si devono si fermare, pena possibili rotture, se è troppo basso non girano o girano troppo piano), chi un po' di più.
Quindi visto che in estate la bruciano tanto vale tagliare tutta la montagna, appianiamola addirittura, che ci togliamo il pensiero: ottima e geniale idea!!!!!!!
Non c'è solo l'eolico, c'è anche il solare nelle sue varianti, che non taglia boschi, non arricchisce nessuna multinazionale ma fa' risparmiare ogni singolo cittadino che ha l'impianto, e, prova ad informarti se non mi credi, se solo mille famiglie avessero un pannello solare termico, per la produzione di acqua calda, si risparmierebbe più corrente di quanta ne produrrà il parco eolico.
Eolico ben venga, ma l'eolico dove è possibile far l'eolico, cioè in una pianura, cioè su un territorio brullo, distruggere boschi, tagliando alberi per avere energia pulita è un controsenso in ogni senso: l'energia elettrica prodotta evita l'immisione nell'atmosfera di Co2 derivato dalla combustione di carburanti fossili (petrolio ecc ecc), vero, ma lo sai perchè l'atmosfera è inquinata sempre di più? soprattutto per via della deforestazione del pianeta: meno piante, meno ossigeno e più anidride carbonica, lo insegnano alle scuole elementari.
Qindi disboscare per non inquinare E' IL PIù GROSSO CONTROSENSO CHE POSSA ESSERE SPACCIATO, COME CHIAMARE UN INCENERITORE DI RIFIUTI TERMOVALORIZZATORE.
I paesi del nord europa grandi produttori di energia pulita sono pianeggianti, così come lo sono le regioni della spagna dove i pali eolici sono numerosissimi: erano e restano pianure coltivabili, non boschi al limite DI UN PARCO NATURALE, quello delle serre calabresi! in nessun paese del nord europa e nanche del nord italia si sognerebbero di distruggere un bosco per impiantare un parco (che vuol dire parco? i pali eolici possono essere mnimamente assimilati al fusto di un albero? o parco perchè sulle pale ci si può giocare?), si sarebbero mosse decine di associazioni ambientaliste, ma in Calabria tutto è possibile, quello che non è possibile si fa' di nascosto e poi si sana con un bel condono....per pietà, basta controsensi!!!!



sergio ha scritto:
Non credo che le pale eoliche tolgano qualcosa a Sansostari,anzi ti diro' è una entrata per il comune notevole se riesce a vendere l'energia ai paesi limitrofi.

Forse con il ricavo puo' fae servizi a tutti i cittadini.
Qualcosa si deve deturpare,questo mi dispiace,ma la nostra montagna non è ricca ,e solo mercè di persone che la bruciano in estate.
Quanto petrolio non si deve bruciare ,se le pale eoliche danno i loro frutti?
vi chiedete,perchè nei paesi del nord europa ,ormai la energia alternativa e' in grande spolvero?
vi diro' ognuno si sta' creando la propria energia sulle proprie case.Noi arriveremo tra molti anni a questo.
Credo ,è un mio parere,dobbaimo rifletter e dire se tutto cio' che fanno gli altri è sempre malfatto.
Ormai,tutti i paesini della calabria si stanno attrezzando con l'energia alternativa,perchè san sostene ,no?
Unica nota di progresso che ho visto in questo paese .la deprezzate?
spero,che non la prendiate a male,ma una energia alternativa al petrolio si deve trovare.
scusate da Sergio


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Termovalorizzatore
MessaggioInviato: venerdì 16 gennaio 2009, 16:23 
Saverio, hai molto ragione. Negli Stati Uniti i pali eolici (windmills) si trovano per lo piu' negli stati che costituiscono la pianura americana ( the prairie ) Indiana, Illinois, Iowa, Kansas dove non ci sono montagne e quasi nemmeno colline ma solamente pianure che sembrano un tavolo di biliardi. Angelo


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Termovalorizzatore
MessaggioInviato: venerdì 16 gennaio 2009, 18:44 
non conosco bene il problema ma dai vs commenti mi sembra di capire che il parco eolico sia stato inserito in una area poco adatta che andava comunque protetta
è così?


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Termovalorizzatore
MessaggioInviato: venerdì 16 gennaio 2009, 19:22 
hai presente le montagne sopra sn sostene, sopra i castagneti? Una volta al paesello potresti andare a fare un giro, sono pochi km, sempre ammesso che le piogie abbondanti non abbiano reso sconsigliabile, per pericolo massi, il transito....
oretta ha scritto:
non conosco bene il problema ma dai vs commenti mi sembra di capire che il parco eolico sia stato inserito in una area poco adatta che andava comunque protetta
è così?


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Termovalorizzatore
MessaggioInviato: venerdì 16 gennaio 2009, 21:01 
si conosco quelle zone per averle frequentate, ma è un pò che non ci vado

è bene sfruttare energie naturali come il vento per creare energia pulita e posti di lavoro ma perchè sacrificare proprio quelle montagne
non bastano i piromani?

i posti di lavoro non si creano a scapito della natura che poi si vendica
l'alluvione dei giorni scorsi insegna


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Termovalorizzatore
MessaggioInviato: venerdì 16 gennaio 2009, 22:25 
Allora,sono ben presente al problema.Vi garantisco che la ghente sotto le pale eoliche coltiva,e produce come ha sempre fatto.Un mio collega e' stato il primo in calabria ad installarle a Santa maria di cz (vista germaneto).Sotto si e' costruito la sua casa ,alberi ad un metro dal ppalo ,e cosi' via.io ho fatto un sopralluogo a san sostene ,dove nasceranno le mostruose pale,e non ho visto tante rovine.non esageriamo,facciamo che tra tanta montasna nascano energie pulite.io la penso cosi'.mi sbagliero',ma sono contro il potere petrolio.


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Termovalorizzatore
MessaggioInviato: sabato 17 gennaio 2009, 12:37 
Caro Sergio, non che io viva a Parigi, ma uno che si costruisce una casa sotto ul palo eolico, forse, qualche problema c'è l'ha ! Di sicuro, se io dovessi scegliere tra una quercia ed un palo eolico, non avrei dubbi, ma, mi rendo anche conto che i gusti sono personali e spesso messi da parte a scapito di vantaggi. Sonio sicuro che mi hai compreso. Ciao


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Termovalorizzatore
MessaggioInviato: sabato 17 gennaio 2009, 13:42 
ciao Sergio e ospite,
anche io preferisco la quercia al palo eolico anche se la scelta è lavoro o non lavoro, energia pulita o petrolio

ma perchè essere obbligati a fare una scelta?!

mi sembra di sentire il mio ex datore di lavoro quando in trattativa diceva che occorreva sacrificare pochi per tutelare tanti
io naturalmente non ero d'accordo e mii sono tenacemente opposta con risultati anche apprezzabili

l'eolico è una grande risorsa naturale , ma andrebbe sistemato in zone adeguate senza disturbare la natura , le persone , gli animali (sembra che il rumore delle pale faccia loro produrre meno latte), natura alla quale già dobbiamo rendere conto parecchio

ma penso che sia Sergio che l'ospite e la sottoscritta condividano le stesse ideee con sfumature differenti


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Termovalorizzatore
MessaggioInviato: sabato 17 gennaio 2009, 19:23 
è la necessità che mi fà parlare cosi'.Il petrolio è una risorsa che ci ha schiavizzato,dobbiamo a forza trovare qualche alternativa.
Si penso che le pale vanno piazzate su un punto che diano fastidio.Ma,credimi io sono stato dove stanno nascendo e per arrivarci siamo stati costretti a farci accompagnare dai fuoristrada e dispersi nella montagna.Adesso,non so' quanto sfruttino questa risorsa ,ma è una buona indicazione spostarci sulla energia pulita.
Adesso i costi sono alti ,ma molti paesi stanno adottando i pannelli solari per tutte le luci comunali con un risparmio , alto per le case comunali.Certo,il guadagno non è immediato,ma dopo aver ammortizzato il costo del pannello e' tutto un risparmio.
In un paese del nord Europa i trattori viaggiano con olio di mais,e i contadini se lo producono da soli.Questo è un esempio di energia alternativa al petrolio.Sono esempi ,per cominciare a pensare al progresso e non restare alle vecchie tradizioni. :ugeek:


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 34 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Puoi aprire nuovi argomenti
Puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010
[ Time : 0.358s | 12 Queries | GZIP : Off ]