Forum

La Voce corre di ruga in ruga ......
Oggi è venerdì 14 dicembre 2018, 15:41

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Alitalia e Bonanni
MessaggioInviato: martedì 22 aprile 2008, 18:04 
Alitalia: trattative barzelletta




Bonanni torna ancora sul tema Alitalia, cercando di sponsorizzare Carlo Toto, per il quale, non ha mai nascosto la propria amichevole simpatia.

L’atteggiamento del leader della Cisl è in netto contrasto con le parole pronunciate a Ferrara dal presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo: “abbiamo bisogno di un sindacato autorevole e moderno per affrontare una situazione difficile”.

Dopo l’ostruzionismo operato dai vertici dei sindacati nell’ambito della questione Alitalia e dell’acquisizione da parte della francese Air France, ora “la palla passa al nuovo governo”, sostiene ancora Bonanni, frase che avrebbe dovuto completare con “al quale spetta il compito di favorire gli amici di casa propria”.

Vorrei far presente a Bonanni che in un Paese serio le trattative vanno condotte su altri presupposti che rispondono alle esigenze del mercato e non alla mercificazione clientelare. L’Italia deve riconquistare la credibilità internazionale scivolata a livelli da Paese del terzo mondo ma i cittadini continuano ad assistere a trattative barzelletta da parte di questa classe politica.


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Alitalia e Bonanni
MessaggioInviato: venerdì 21 dicembre 2012, 8:55 
Civicu ha scritto:
Alitalia: trattative barzelletta




Bonanni torna ancora sul tema Alitalia, cercando di sponsorizzare Carlo Toto, per il quale, non ha mai nascosto la propria amichevole simpatia.

L’atteggiamento del leader della Cisl è in netto contrasto con le parole pronunciate a Ferrara dal presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo: “abbiamo bisogno di un sindacato autorevole e moderno per affrontare una situazione difficile”.

Dopo l’ostruzionismo operato dai vertici dei sindacati nell’ambito della questione Alitalia e dell’acquisizione da parte della francese Air France, ora “la palla passa al nuovo governo”, sostiene ancora Bonanni, frase che avrebbe dovuto completare con “al quale spetta il compito di favorire gli amici di casa propria”.

Vorrei far presente a Bonanni che in un Paese serio le trattative vanno condotte su altri presupposti che rispondono alle esigenze del mercato e non alla mercificazione clientelare. L’Italia deve riconquistare la credibilità internazionale scivolata a livelli da Paese del terzo mondo ma i cittadini continuano ad assistere a trattative barzelletta da parte di questa classe politica.




Favoriti gli amici di casa nostra, dopo 4 anni, 3 miliardi di euri di soldi pubblici buttati via, perdita netta di oltre 730 milioni di euri, incapacacità di vincere la concorrenza dei treni superveloci nelle tratte interne, delle compagnie low cost sulle tratte medio-lunghe, impossibilità nel competere con le altre compagnie sulle tratte lunghe visto che le ha abolite, ora AlitaGlia è davanti ad un bivio: tornerà nelle mani dello stato, alias toccherà ancora a noi coglionazzi pagare le perdite, o essere venduta, a prezzo scontatissimo, ad AIR-France.

Manteniamo la compagnia di bandiera, come stiamo mantenendo la Fiat dal dopo guerra ad ora, o la vendiamo a chi la vuole?




Intanto la sciagura umana, l'artefice dell'imbroglio alitaGlia (e non solo) si ripresenta, e dopo quasi 20 anni ripete le stesse cose.
Ha solo un po' di cerone in più e qualche altro lifting, ma le palle che racconta son le stesse, gli interessi che lo muovono anche ( sono in vendita delle frequenze tv, c'è da decidere il beauty contest, la fininvest è piena di debiti, i processi incalzano ecc ecc), le promesse identiche, tanto che se decidesse di risparmiare potrebbe prendere pari pari i vecchi manifesti 6X3 (metri).

viva l'itaGlia, alitaGlia e tutti i boccaloni che col loro voto in cambio di mirabolanti promesse, mai mantenute, han permesso ad un mafioso pluricondannato di portare il paese, in una parabola del tutto simile alla compagnia aerea, sull'orlo del disastro economico-finanziario.


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Alitalia e Bonanni
MessaggioInviato: venerdì 21 dicembre 2012, 10:29 
Cita:
Civicu ha scritto:
Alitalia: trattative barzelletta




Bonanni torna ancora sul tema Alitalia, cercando di sponsorizzare Carlo Toto, per il quale, non ha mai nascosto la propria amichevole simpatia.

L’atteggiamento del leader della Cisl è in netto contrasto con le parole pronunciate a Ferrara dal presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo: “abbiamo bisogno di un sindacato autorevole e moderno per affrontare una situazione difficile”.

Dopo l’ostruzionismo operato dai vertici dei sindacati nell’ambito della questione Alitalia e dell’acquisizione da parte della francese Air France, ora “la palla passa al nuovo governo”, sostiene ancora Bonanni, frase che avrebbe dovuto completare con “al quale spetta il compito di favorire gli amici di casa propria”.

Vorrei far presente a Bonanni che in un Paese serio le trattative vanno condotte su altri presupposti che rispondono alle esigenze del mercato e non alla mercificazione clientelare. L’Italia deve riconquistare la credibilità internazionale scivolata a livelli da Paese del terzo mondo ma i cittadini continuano ad assistere a trattative barzelletta da parte di questa classe politica.




Favoriti gli amici di casa nostra, dopo 4 anni, 3 miliardi di euri di soldi pubblici buttati via, perdita netta di oltre 730 milioni di euri, incapacacità di vincere la concorrenza dei treni superveloci nelle tratte interne, delle compagnie low cost sulle tratte medio-lunghe, impossibilità nel competere con le altre compagnie sulle tratte lunghe visto che le ha abolite, ora AlitaGlia è davanti ad un bivio: tornerà nelle mani dello stato, alias toccherà ancora a noi coglionazzi pagare le perdite, o essere venduta, a prezzo scontatissimo, ad AIR-France.

Manteniamo la compagnia di bandiera, come stiamo mantenendo la Fiat dal dopo guerra ad ora, o la vendiamo a chi la vuole?




Intanto la sciagura umana, l'artefice dell'imbroglio alitaGlia (e non solo) si ripresenta, e dopo quasi 20 anni ripete le stesse cose.
Ha solo un po' di cerone in più e qualche altro lifting, ma le palle che racconta son le stesse, gli interessi che lo muovono anche ( sono in vendita delle frequenze tv, c'è da decidere il beauty contest, la fininvest è piena di debiti, i processi incalzano ecc ecc), le promesse identiche, tanto che se decidesse di risparmiare potrebbe prendere pari pari i vecchi manifesti 6X3 (metri).

viva l'itaGlia, alitaGlia e tutti i boccaloni che col loro voto in cambio di mirabolanti promesse, mai mantenute, han permesso ad un mafioso pluricondannato di portare il paese, in una parabola del tutto simile alla compagnia aerea, sull'orlo del disastro economico-finanziario.



bonanni, ma per favore, ne ha fatti più lui di danni con angeletti .....

meno male che adesso si butta in politica e in mezzo a tanti incompetenti uno in più uno in meno fa meno danni di quanti ne ha fatti nel sindacato
a partire dagli accordi fiat
ma la fiom ha vinto, ha vinto landini (un sindacalista onesto e con le palle) , hanno vinto gli iscritti fiom, naturalmente ha perso marchionne, la prepotenza datoriale, colui che si crede dio in terra malgrado il mercato dell'auto lo bastoni

adesso ci si è messo pure monti che ieri ha lodato la policy gestionale di marchionne, gli operai laboriosi (quasi tutti in cassa integrazione) , dimenticando che fuori i cancelli c'era una parte importante di operosità fiat (gli iscritti a fiom)
non invitati alla festa

ma penso che le parole equità, giustizia, solidarietà siano fuori portata per certi soggetti

ma presto andremo a votare e allora non ce ne sarà più per nessuno


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Alitalia e Bonanni
MessaggioInviato: venerdì 21 dicembre 2012, 12:11 
poretta ha scritto:
saverio aloisio ha scritto:
Civicu ha scritto:
Alitalia: trattative barzelletta




Bonanni torna ancora sul tema Alitalia, cercando di sponsorizzare Carlo Toto, per il quale, non ha mai nascosto la propria amichevole simpatia.

L’atteggiamento del leader della Cisl è in netto contrasto con le parole pronunciate a Ferrara dal presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo: “abbiamo bisogno di un sindacato autorevole e moderno per affrontare una situazione difficile”.

Dopo l’ostruzionismo operato dai vertici dei sindacati nell’ambito della questione Alitalia e dell’acquisizione da parte della francese Air France, ora “la palla passa al nuovo governo”, sostiene ancora Bonanni, frase che avrebbe dovuto completare con “al quale spetta il compito di favorire gli amici di casa propria”.

Vorrei far presente a Bonanni che in un Paese serio le trattative vanno condotte su altri presupposti che rispondono alle esigenze del mercato e non alla mercificazione clientelare. L’Italia deve riconquistare la credibilità internazionale scivolata a livelli da Paese del terzo mondo ma i cittadini continuano ad assistere a trattative barzelletta da parte di questa classe politica.




Favoriti gli amici di casa nostra, dopo 4 anni, 3 miliardi di euri di soldi pubblici buttati via, perdita netta di oltre 730 milioni di euri, incapacacità di vincere la concorrenza dei treni superveloci nelle tratte interne, delle compagnie low cost sulle tratte medio-lunghe, impossibilità nel competere con le altre compagnie sulle tratte lunghe visto che le ha abolite, ora AlitaGlia è davanti ad un bivio: tornerà nelle mani dello stato, alias toccherà ancora a noi coglionazzi pagare le perdite, o essere venduta, a prezzo scontatissimo, ad AIR-France.

Manteniamo la compagnia di bandiera, come stiamo mantenendo la Fiat dal dopo guerra ad ora, o la vendiamo a chi la vuole?




Intanto la sciagura umana, l'artefice dell'imbroglio alitaGlia (e non solo) si ripresenta, e dopo quasi 20 anni ripete le stesse cose.
Ha solo un po' di cerone in più e qualche altro lifting, ma le palle che racconta son le stesse, gli interessi che lo muovono anche ( sono in vendita delle frequenze tv, c'è da decidere il beauty contest, la fininvest è piena di debiti, i processi incalzano ecc ecc), le promesse identiche, tanto che se decidesse di risparmiare potrebbe prendere pari pari i vecchi manifesti 6X3 (metri).

viva l'itaGlia, alitaGlia e tutti i boccaloni che col loro voto in cambio di mirabolanti promesse, mai mantenute, han permesso ad un mafioso pluricondannato di portare il paese, in una parabola del tutto simile alla compagnia aerea, sull'orlo del disastro economico-finanziario.



bonanni, ma per favore, ne ha fatti più lui di danni con angeletti .....

meno male che adesso si butta in politica e in mezzo a tanti incompetenti uno in più uno in meno fa meno danni di quanti ne ha fatti nel sindacato
a partire dagli accordi fiat
ma la fiom ha vinto, ha vinto landini (un sindacalista onesto e con le palle) , hanno vinto gli iscritti fiom, naturalmente ha perso marchionne, la prepotenza datoriale, colui che si crede dio in terra malgrado il mercato dell'auto lo bastoni

adesso ci si è messo pure monti che ieri ha lodato la policy gestionale di marchionne, gli operai laboriosi (quasi tutti in cassa integrazione) , dimenticando che fuori i cancelli c'era una parte importante di operosità fiat (gli iscritti a fiom)
non invitati alla festa

ma penso che le parole equità, giustizia, solidarietà siano fuori portata per certi soggetti

ma presto andremo a votare e allora non ce ne sarà più per nessuno


rammento che anche la Polverini ha partecipato alla grande alla trattativa alitalia come ugil, poi è scesa in politica infestando la regione lazio di personaggi come fiorito e company, adesso vuole tornare in politica , si parla addirittura come nuova candidata alla regione lazio. ma per favore.......


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Alitalia e Bonanni
MessaggioInviato: mercoledì 6 febbraio 2013, 15:30 
Aereo fuori pista, sparisce il logo Alitalia
Avia: "Non serve a cancellare vergogna"
Antonio Divietri, presidente di Assistenti di volo italiani associati: "Con qualche colpo di pennello si vogliono nascondere i fatti. E' la prova plastica di un Paese ingannato". Federconsumatori: "E' una vergogna totale". La replica di Alitalia: "E una prassi. Si fa per un motivo di decoro aziendale"
di STEFANO D'ALESSIO

Aereo fuori pista a Fiumicino
pm indaga su Alitalia per frode"Non basta una mano di bianco per cancellare la vergogna". Lo afferma il presidente di Avia (Assistenti di volo italiani associati), Antonio Divietri, che commenta così la cancellazione del logo di Alitalia dall'aereo della Carpatair uscito fuori pista a Fiumicino.

"La vicenda Alitalia-Carpatair - prosegue - è la metafora del made in Italy, con le istituzioni distratte, gli utenti tenuti all'oscuro e i lavoratori che perdono il posto. E' la prova plastica di un Paese ingannato. Con qualche colpo di pennello si vogliono cancellare i fatti".

"Un vascello governato da pazzi - attacca Divietri - come definire altrimenti un sistema che concede aiuti economici a carico dello Stato a imprenditori per sostituire i lavoratori italiani con stranieri low cost? Imprenditori che hanno anche l'impudenza di mettere i dipendenti in cassa integrazione mentre fanno operare le rotte interne a altri".

Senza misure urgenti nel settore aereo italiano, avverte il presidente di Avia, "in due anni non resterà più niente di italiano. Altrimenti, l'immagine di quell'Atr sulla pista 34R, sbiancato o meno, sarà solo l'inizio".

Alitalia replica. " Cancellare il logo è una prassi che normalmente si usa quando succedono questi eventi. Si fa per un normale motivo di decoro aziendale".

Una replica che non spegne le polemiche. "Davanti a una tragedia si toglie il logo? E' una vergogna totale. Ma come si permettono? Si toglie il logo per questione di propaganda e pubblicita'". Lo dice Rosario Trefiletti di Federconsumatori. "Sono indignato. Chiediamo che si faccia chiarezza, quando il cittadino compra il volo deve sapere se sta comprando un volo Alitalia o no. Noi siamo a disposizione coi nostri sportelli. Vanno fatti non solo rimborsi ma veri e propri risarcimenti importanti. Esistono ora anche i risarcimenti per danni esistenziali, come la paura e lo shock", conclude Trefiletti.





Il paese dei cunni funziona come CAI-alitaGlia, e pazienza se hamo distribuito agli amici degll'amico, cioè ESSO, il mafiomassomignottbiscazzierwannmarchiexpremier, paccate di centinaia di milioni di euri.


NON VI ODIERO' MAI ABBASTANZA PER AVERMI COSTRETTO AD AVERE QUEL GRANDISSIMO FIGLIO DI BUONA DONNA COME PREMIER


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Alitalia e Bonanni
MessaggioInviato: mercoledì 6 febbraio 2013, 18:41 
saveri ha scritto:
Aereo fuori pista, sparisce il logo Alitalia
Avia: "Non serve a cancellare vergogna"
Antonio Divietri, presidente di Assistenti di volo italiani associati: "Con qualche colpo di pennello si vogliono nascondere i fatti. E' la prova plastica di un Paese ingannato". Federconsumatori: "E' una vergogna totale". La replica di Alitalia: "E una prassi. Si fa per un motivo di decoro aziendale"
di STEFANO D'ALESSIO

Aereo fuori pista a Fiumicino
pm indaga su Alitalia per frode"Non basta una mano di bianco per cancellare la vergogna". Lo afferma il presidente di Avia (Assistenti di volo italiani associati), Antonio Divietri, che commenta così la cancellazione del logo di Alitalia dall'aereo della Carpatair uscito fuori pista a Fiumicino.

"La vicenda Alitalia-Carpatair - prosegue - è la metafora del made in Italy, con le istituzioni distratte, gli utenti tenuti all'oscuro e i lavoratori che perdono il posto. E' la prova plastica di un Paese ingannato. Con qualche colpo di pennello si vogliono cancellare i fatti".

"Un vascello governato da pazzi - attacca Divietri - come definire altrimenti un sistema che concede aiuti economici a carico dello Stato a imprenditori per sostituire i lavoratori italiani con stranieri low cost? Imprenditori che hanno anche l'impudenza di mettere i dipendenti in cassa integrazione mentre fanno operare le rotte interne a altri".

Senza misure urgenti nel settore aereo italiano, avverte il presidente di Avia, "in due anni non resterà più niente di italiano. Altrimenti, l'immagine di quell'Atr sulla pista 34R, sbiancato o meno, sarà solo l'inizio".

Alitalia replica. " Cancellare il logo è una prassi che normalmente si usa quando succedono questi eventi. Si fa per un normale motivo di decoro aziendale".

Una replica che non spegne le polemiche. "Davanti a una tragedia si toglie il logo? E' una vergogna totale. Ma come si permettono? Si toglie il logo per questione di propaganda e pubblicita'". Lo dice Rosario Trefiletti di Federconsumatori. "Sono indignato. Chiediamo che si faccia chiarezza, quando il cittadino compra il volo deve sapere se sta comprando un volo Alitalia o no. Noi siamo a disposizione coi nostri sportelli. Vanno fatti non solo rimborsi ma veri e propri risarcimenti importanti. Esistono ora anche i risarcimenti per danni esistenziali, come la paura e lo shock", conclude Trefiletti.





Il paese dei cunni funziona come CAI-alitaGlia, e pazienza se hamo distribuito agli amici degll'amico, cioè ESSO, il mafiomassomignottbiscazzierwannmarchiexpremier, paccate di centinaia di milioni di euri.


NON VI ODIERO' MAI ABBASTANZA PER AVERMI COSTRETTO AD AVERE QUEL GRANDISSIMO FIGLIO DI BUONA DONNA COME PREMIER



e parlavano di cordata italiana che avrebbe sanato l'alitalia
sia cosa ci devono fare con la corda?????
adesso air france se la prenderà con due lire, dopo esserci accollati i debiti e lasciato a casa centinaia di cassa integrati (che paghiamo sempre noi) sostituiti da un mercato del lavoro sempre più al ribasso e privo di diritti


Segnala il messaggio
Top
  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Puoi aprire nuovi argomenti
Puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010
[ Time : 0.336s | 12 Queries | GZIP : Off ]